Vaginal Tightening - Restringimento vaginale - Aumentare la sensibilità con restringimento della vagina - Interventi di Chirurgia Plastica su misura

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

VAGINAL TIGHTENING - RESTRINGIMENTO VAGINALE

Di cosa si tratta
Con il passare del tempo può succedere che la zona intima femminile subisce le alterazioni nella forma e consistenza. I muscoli e la pelle si rilassano e di consegnuenza pegiora l'aspetto  estetico della vagina e diminuisce la sensibilità della parte. Il mutamento del aspetto fisico delle parti intime può avvenire anche dopo un trauma accidentale oppure dopo il parto. Lo scopo del vaginal tightening comunemente detto, il restringimento della vagina, è aumentare la sensibilità durante i rapporti  sessuali e migliorare l'aspetto fisico della vagina.
In Italia, al momento del parto, il 60-70% di donne vengono sottoposte ad episiotomia, cioè l'incisione del perineo per allargare il canale vaginale e facilitare il parto. L'episiotomia però può lasciare le brutte cicatrici che creano i disaggi sia fisici che psicologici nelle donne, impedendo loro di avere una vita sessuale soddisfacente.
L'operazione di vaginal tightening aiuta le donne a ritrovare la serenità nei loro mementi intimi. Mediante il restringimento vaginale si conferisce alla vagina un aspetto migliore e rinvigorito. Inoltre il vaginal tightening rende la parte trattata più tonica e quindi maggiormente sensibile, permettendo in questo modo di provare più piacere durante i rapporti sessuali.
                             
Il vaginal tightening può essere associato ad altri interventi per la  modifica dei genitali femminili come la labioplastica,  l'esposizione del clitoride o la liposuzione del pube.

Durante la visita
Durante la visita preventiva il chirurgo visiterà la paziente e valuterà se l'operazione sia fattibile. Il medico indagherà sulla salute generale della paziente facendo delle domande. Inoltre il medico spiegherà la procedura dell'operazione, rispondera alle eventuali domande e fornirà dei chiarimenti. La data del intervendo verrà stabilita in base agli impegni del chirurgo e della paziente. E' sempre meglio fissare la data del intervento nei giorni di assenza del ciclo mestruale. Una volta stabilita la data dell'operazione di vaginal tightening il dottore segnerà gli esami da fare prima del intervento.
Intervento
L'operazione di vaginal tightening si può eseguire in due modalità:
  1. mediante incisione con bisturi;
  2. usando laser.
L'operazione di vaginal tightening si esegue in modalita day-hospital, dopo l'intervento si potra tornare a casa. Innanzitutto  alla paziente viene somministrata l’anestesia locale con sedazione. In  seguito il chirurgo procede con la rimozione del tessuto vaginale in eccesso, dopodiché vengono “ristretti” i muscoli  interni alla vagina e l’orifizio esterno.
A  differenza dell’incisione col bisturi, l’intervento mediante laser  sfrutta l’energia termica per indurre il collagene interno alla vagina a rigenerarsi, ristringendo il canale vaginale. La tecnica del laser risulta meno invasiva e  garantisce maggior sicurezza, inoltre la guarigione in questo caso avviene più velocemente. Alla fine dell’operazione vengono applicati dei punti di sutura con il filo chirurgico riassorbibile. La durata dell’intervento varia da 30 minuti a 1 ora circa.
Cure Post-operatorie
Il chirurgo fara una prescrizione di medicine da prendere per alcuni giorni, la cura serve ad evitare le infiammazioni. Dopo circa una settimana dall'operazione viene fatta la visita di controllo. Non sarà neccessario togliere i punti di sutura in quanto riassorbibili. Per  i primi giorni si avvertirà gonfiore che tenderà a scomparire definitivamente in modo progressivo. Anche gli edemi andranno via nel arco di 7-10 giorni. Riguardo  le attività quotidiane, è possibile riprenderle da subito, tranne per lo sport, si dobrà attendere 3-4 settimane prima di  riprendere l'attività fisica. Non si dovrà praticare il sesso per almeno 6 settimane e comunque dopo la guarigione completa.
 
Eventuali rischi
Dopo l'intervento di restringimento vaginale si possono verificarsi alcuni complicazioni:
  • infezioni;
  • cicatrizzazione problematica della ferita;
  • ematomi;
  • eccessivo  sanguinamento.
Le complicazioni sopra descritte sono molto rare ma è sempre meglio informare la paziente sulle eventualità.  Nel caso si verifichino, è neccessario contattare subito il chirurgo che ha eseguito l'operazione, e lui saprà prontamente porre rimedio.











 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu