Falloplastica - Allungamento e Ingrossamento del pene maschile - Più belli e felici con interventi di chirurgia plastica su misura

Vai ai contenuti

Menu principale:

FALLOPLASTICA - PLASTICA DEL PENE
ALLUNGAMENTO E INGRANDIMENTO DEL PENE

La morfologia e funzionalita degli organi genitali esterni maschili hanno un ruolo importantissimo nella vita relazionale di un uomo. Dall'adolescenza fino alla maturità sessuale il maschio dedica tantissima attenzione allo sviluppo fisico del organo riproduttivo, questo influisce e determina  l'opinione che ha di sé stesso, la propria sicurezza e capacità di relazionarsi con gli altri.  Inutile negare che le dimensioni del pene influiscono sulle esperienze interpersonali e soprattutto sulla vita sessuale del uomo. 
A chi si rivolge
Molti uomini adulti si rivolgono al medico per le dimensioni  inadeguate del loro pene, causa delle problematiche psico-sessuali da esso causate.
Gli studi scentifici hanno evidenziato che nella razza caucasica la lunghezza media di un pene in stato di erezione  è 12,9 cm, in stato stretched è 12,4 cm ed in stato di flaccidità è 8,8  cm.
Qualora la lunghezza del pene sia inferiore di almeno 2,5 cm rispetto alla media si ha un pene sottosviluppato (detto anche "micropene").
La circonferenza media del pene  nella razza caucasica in stato di  flaccidità misura attorno ai 9 cm, in stato di erezione è di circa 12,  5 cm.
Dai dati pubblicati in Italia la lunghezza media normale del pene stretched risultata essere 12,5 cm, mentre la circonferenza media in stato di flaccidità si attesta intorno ai 10 cm.

Spesso si rivolgono al chirurgo plastico i pazienti che hanno le misure del pene nella norma ma che comunque risulta "piccolo". In questo caso l'individuo non accetta le proprie dimensioni e vive questa condizione con grande disaggio estetico-relazionale.
In altri casi invece, soppratutto in individui in soprappeso, il pene ha la forma e dimensioni normali,  ma è poco evidente, in quanto “nascosto” dal tessuto adiposo. Il grasso sovra-pubico in eccesso ingloba la radice del pene facendolo apparire più piccolo rispetto alle misure effettive. Anche il pene nascosto è causa di notevoli disagi psicologici. In questi casi, con i pazienti in sovrapeso, è indicato l’intervento di liposuzione sovrapubica con eventuali plastiche di allungamento per dare  maggiore visibilità all’asta del pene nascosta.

In Italia si eseguono ca. 2000 interventi di falloplastica all’anno.

L'intervento di falloplastica permette in modo chirurgico sia allungare che ingrandire il pene. Si tratta di due interventi diversi che possono però essere combinati nel corso della stessa operazione.

Durante la visita
Durante la prima visita il chirurgo controllerà lo stato di salute generale, verificherà la grandezza del pene e se ci sono complicazioni  delle vie urinarie o le funzioni sessuali. Se ci sono delle problematiche in corso sarà neccessario consultare un urologo. Il medico chirurgo valuterà la fattibilità del'inervento e spiegherà quali risultati si possono ottenere. Durante la visita dovete essere onesti con il chirurgo riguardo alle vostre ragioni e aspettative. Il medico a sua volta vi esporrà i limiti e i rischi dell'operazione.  Non sempre l'operazione di falloplastica è fattibile. Ci sono alcune condizioni che possono impedire l’intervento di allungamento e ingrandimento del pene. Nel caso di problemi cardiovascolari, assunzione di farmaci anticoagulanti e presenza di alcune patologie possono impedire l'operazione di falloplastica.

Procedura di allungamento del pene
Anatomicamente 1/3 del pene si trova all'interno della pancia e solo 2/3 fuori dal corpo. L’allungamento del pene sfrutta quel 30-40% che si trova "nascosto". Durante l'operazione di allungamento del pene la parte che si trova all’interno viene "tirata fuori" e lo spazio che si crea viene riempito con un'apposita protesi per impedire al pene di "rientrare" nella vecchia posizione. L'operazione di allungamento prevede una piccola incisione nella parte sopra il pene, tra i peli pubici, attraverso la quale vengono liberati i legamenti che tengono ancorata la parte interna del pene al l'osso pubico. Una volta volta effettuato l'allungamento l'incisione si chiude con i punti e viene applicata la medicazione.

Procedura di ingrossamento del pene
L'ingrossamento del pene avviene attraverso l'iniezione del tessuto adiposo del paziente. Per prima cosa si preleva il grasso sottocutaneo dalla pancia o dai fianchi del paziente con l'aiuto delle cannule molto sittili. Il grasso prelevato viene purificato e inientato nello spazio tra cute e i corpi cavernosi del pene. La quantità di grasso da impiantare dipende dalla condizione anatomica di base, dai desideri del paziente e dalla qualità di grasso disponibile. Questa metodica garantisce spesso i risultati molto soddisfacenti. Nella maggior parte dei casi si ottiene l'aumento della circonferenza (allo stato di flacidità) del 30-40%.
Volendo dopo 3-4 mesi si potra ripetere l'operazione per avere maggiore ingrossamento.

Sia l’allungamento che l’ingrandimento del pene possono essere eseguiti con l'anestesia locale con o senza sedazione in day-hospital. Dopo l'intervento il paziente può tornare a casa.
La durata di questo tipo di interventi varia da 1 ora fino a 2 ore.

Cure post-operatorie
Il medico chirurgo prescriverà la cura antibiotica da seguire per alcuni giorni. Dopo una settimana circa ci sarà la visita di controllo e verranno tolti eventuali punti. Gia dal giorno successivo all'intervento si potra riprendere tutte le attività quitidiane. Per lo sport si dovra aspettare qualche giorno e per praticare il sesso dovranno trascorrere almeno 30 giorni.










Torna ai contenuti | Torna al menu