Gluteoplastica - Romodellamento dei glutei - Interventi di Chirurgia Plastica su misura

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

GLUTEOPLASTICA - AUMENTO DEI GLUTEI

Di cosa si tratta
La gluteoplastica o chirurgia di rimodellamento del gluteo è un intervento mediante il quale si possono modificare sia forma che dimensioni dei glutei.  

A CHI E’ RIVOLTO QUESTO INTERVENTO
Ai  pazienti che presentano un  rilassamento cutaneo dovuto ad un forte dimagrimento o all’ avanzamento naturale dell’età, oppure aventi un sedere piatto o troppo piccolo, che desiderano aumentare il volume dei glutei per rendere più armonioso  il proprio corpo.
Non vi sono limiti di età per questo tipo di operazione, tuttavia  si consiglia di aspettare il completo sviluppo corporeo che si realizza in genere intorno al diciottesimo anno di età. Qualora il paziente intenda iniziare una dieta, si raccomanda di sottoporsi all’intervento di gluteoplestica solo quando il proprio peso corporeo si sia stabilizzato, così da ottenere il miglior risultato possibile.

    
TECNICHE CHIRURGIGHE ADOPERATE
Le tecniche chirurgiche utilizzate per la gluteoplastica sono due: il lipofilling o lipostruttura e l'utilizzo di protesi glutee.
Il  lipofilling consente di estrarre il grasso aspirandolo da zone come cosce o addome, o da qualunque altra sede di prelievo disponibile, per poi trasferirlo nella regione glutea aumentando e rimodellando i glutei. Il tessuto adiposo viene prelevato utilizzando delle micro-cannule, e,  dopo opportuno trattamento, viene re-iniettato nelle zone del gluteo da riempire.  
Il grande beneficio di questa tecnica è che il grasso reimpiantato nelle aree trattate non può provocare reazioni allergiche dal momento che si utilizzano le proprie cellule staminali presenti nel tessuto adiposo e quindi non vi sono complicanze legate all'uso di protesi. Lo svantaggio di questa metodica è che una parte di grasso re-innestato tramite lipofilling viene riassorbito.
L'utilizzo di protesi glutee si preferisce quando non si  hanno abbastanza accumuli adiposi per effettuare l’operazione di lipofilling. Le protesi hanno una superficie liscia e sono costitute da silicone di ultima generazione, specifiche per essere impiantate nella regione glutea. L'incisione per il posizionamento delle protesi viene fatta nella parte alta dei glutei, nel solco intergluteo per far sì che la cicatrice rimanga nascosta tra le due natiche. Mediamente le protesi di gluteo durano dieci anni, al termine dei quali è suggerita la sostituzione per evitare eventuali deformazioni e/o rotture delle stesse.

    
INTERVENTO
Le  incisioni effettuate dal chirurgo per  lipofilling sono di pochi millimetri di lunghezza e vengono poste in zone non visibili. A livello dei glutei, sede ricevente del tessuto adiposo, non si formano cicatrici perché il lipofilling si realizza , come già anticipato, attraverso  micro-cannule e quindi senza la necessità di incidere. La gluteoplastica generalmente si svolge in anestesia loco-regionale con sedazione, in regime di day-hospital. L’intervento può durare una o due ore e termina con una medicazione comprimente.

DECORSO POST-OPERATORIO
Si raccomandano due giorni di riposo dopo l'intervento di chirurgia di rimodellamento del gluteo. In questa prima fase potranno presentarsi  gonfiore, ecchimosi e dolore a livello dei glutei. Dal terzo giorno post-operatorio si può riprendere una vita normale, evitando però attività faticose, saune, bagni turchi ed esposizione al sole. Dopo una settimana dalla gluteoplastica si può riprendere anche a lavorare purché  non si svolga un attività particolarmente pesante. Ad un mese dall’operazione gradualmente  si ricominceranno a svolgere tutte le normali attività giornaliere. Il risultato che si ottiene dall’intervento di chirurgia estetica dei glutei è di solito molto buono e duraturo, ma non può definirsi  permanente perché caratterizzato dai naturali processi di invecchiamento del corpo e dagli effetti della gravità.

    
RISCHI E COMPLICANZE
Potrebbe presentarsi una contrattura capsulare, che deriva dalla reazione dell'organismo alla protesi glutea; intorno alla protesi si crea una capsula che in alcuni soggetti diventa  rilevante  provocando col tempo dolore e compromettendo  il risultato estetico dell'intervento. Complicanze come infezioni, sieromi, perdita di sensibilità e sciatalgia sono eventi molto rari. Ad ogni modo è indispensabile seguire tutte le indicazioni fornite dal chirurgo plastico, sia prima che dopo l'intervento, per ridurre la possibilità di complicanze dell'intervento.


 


 










 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu